You are hereReport convegno COGEAPS "Le professioni sanitarie e il sistema ECM - Tra presente e futuro"

Report convegno COGEAPS "Le professioni sanitarie e il sistema ECM - Tra presente e futuro"


By mruggeri - Posted on 25 novembre 2016

Si è svolto in data 23/11/2016 a Roma Il convegno “Le Professioni Sanitarie ed il Sistema ECM - tra presente e futuro”, organizzato dal Co.Ge.A.P.S., di concerto con l’AGENAS e la Commissione Nazionale di Formazione Continua.

Siamo ormai giunti al termine del triennio 2014-2016, ed è dunque stata questa l’occasione per confrontarsi su quanto è stato fatto sinora e quanto si farà in futuro, coinvolgendo, in un confronto costruttivo, tutti gli attori che intervengono in questo settore: Ministero della Salute, Co.Ge.A.P.S., CNFC, OCA e Provider.

Ha aperto i lavori il Dott. Sergio Bovenga, presidente Co.Ge.A.P.S., che ha esposto un resoconto chiaro e puntuale i dati relativi alla formazione erogata nel triennio che sta per concludersi. Di seguito, sono intervenuti alcuni consiglieri della Commissione Nazionale per la Formazione Continua, come il Dott. Roberto Stella, la Dott.ssa Silvia Falsini e il Dott. Luigi Conte che hanno esposto, ai numerosi presenti, le proposte della commissione riguardo la Formazione da erogare ai professionisti Sanitari nel prossimo triennio, sia a livello nazionale che regionale. La Dott.ssa Rossana Ugenti ha esposto invece, un progetto pilota, che in questa fase iniziale ha coinvolto solo alcune professioni, per la definizione di criteri europei per la determinazione del Fabbisogno Formativo universitario delle professioni sanitarie.

Al termine della prima sessione si è svolta la Tavola Rotonda “Le Professioni sanitarie e la formazione ECM: valutazioni ed impatto sul professionista e sulle prestazioni sanitarie” a cui, insieme a tutti rappresentanti degli altri ordini, collegi e associazioni, ha preso parte come Rappresentante dell’Area Tecnica in seno alla CNFC, il Segretario Generale della Confederazione, Dott. Gianluca Signoretti, il quale nel suo intervento ha sottolineato l’importanza della Formazione Continua in medicina che deve essere sempre più incentrata sul professionista, magari attraverso il supporto del Dossier Formativo, e di sempre maggiore qualità. Questo per garantire ai cittadini un elevato livello delle prestazioni sanitarie, tema sicuramente legato anche alla lotta all’abusivismo professionale problema che potrebbe essere risolto attraverso il riconoscimento degli ordini/collegi professionali, secondo quanto previsto nel DDL Lorenzin.

In conclusione, ciò che è stato fatto sinora è decisamente tanto, ma certamente c’è ancora molto da fare, ed è per questo che gli Ordini, i collegi e le Associazioni si impegneranno a diffondere sempre più la cultura della formazione continua in medicina, ma in questo dovranno essere supportate senza alcun indugio dalle autorità competenti, in modo da riuscire tutti insieme nell’obiettivo, da tutti auspicato, di un continuo miglioramento del SSN.

Tag