You are hereEsclusione dei Laureati in Scienze Biologiche dai concorsi che richiedono la professione di Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico

Esclusione dei Laureati in Scienze Biologiche dai concorsi che richiedono la professione di Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico


By redattore - Posted on 03 agosto 2012

La vera differenza tra il dire e il fare

Non è abitudine né desiderio dell’ANTEL indulgere in polemiche.

Non si può, però, non rimarcare la strumentalità della rapida pubblicazione, sul sito della sigla associativa denominata FITELAB, della sentenza del TAR Sardegna del 19.7.2012, quindi di una decisione emessa da quello stesso Giudice Amministrativo che pochi mesi prima aveva rigettato il ricorso dell’ANTEL sulla identica questione dell’illegittimità dell’ammissione a concorsi per TSLB di laureati in Biologia (si attende a breve il pronunciamento del Consiglio di Stato, adito dall’ANTEL).

Però, quando si dirada la cortina fumogena che accompagna le cosiddette “ultime notizie”, non possono non riguadagnare spazio la ragionevolezza e la saggezza e, con esse, le ragioni dell’ANTEL.

Mi spiego subito: è vero, l’ultima sentenza del TAR della Sardegna giunge, con nostro compiacimento, a sancire la inaccettabilità della tesi secondo cui la laurea in Biologia assorbirebbe la laurea in Tecniche di Laboratorio biomedico.

Tuttavia, se si presta un po’ di attenzione, è lo stesso TAR, nella sentenza di luglio 2012 qui in considerazione, a dichiarare di avere deciso di mutare il proprio orientamento. E se si va più a fondo nella vicenda, si può seriamente sostenere che proprio la battaglia a oltranza portata avanti dall’ANTEL nei confronti dell’Azienda Ospedaliera Brotzu ha costituito uno spartiacque.

Riteniamo di poter dire quel che abbiamo appena detto perché, esaminando la sentenza, ci ritroviamo percorsi argomentativi e addirittura espressioni usate dal legale dell’ANTEL nella causa contro la A.O. Brotzu. A conferma di ciò basta consultare i nostri atti di quel giudizio, che mettiamo qui a disposizione come allegati.

Non ci si ribatta, poi, che il TAR ha recepito alcune deduzioni rese dal Ministero della Salute, in particolare rinvenibili nel parere del 28.12.2012: anche in tal caso, è stata l’ANTEL a spendersi, perorando l’emanazione di quel parere attraverso un quesito articolato e motivato.

Troppo facile ed economico pubblicare recenti sentenze positive; meno scontato è stare tutti i giorni sul campo di battaglia con determinazione e pure affrontando i costi non indifferenti che la tutela giuridica della nostra categoria professionale comporta.

Ancora una volta, abbiamo voluto anteporre i fatti alle parole.

Cordiali saluti a tutti, con un augurio di ottime ferie.

 

Dott. Fernando Capuano
Presidente Nazionale ANTEL
Confederazione ANTEL-ASSIATEL-AITIC

 

Si allegano Domanda di Prelievo del 15-3-2011 & Atto di costituzione davanti al TAR Sardegna del 03-11-2010 inerente quanto in oggetto.

Si informa che la Sentenza del TAR Sardegna N: 00728/2012 riguardante il ricorso n. 00433/2010, depositata il 19-07-2012 e' liberamente consultabile all'interno del sito 'Giustizia amministrativa', al link diretto: http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Cagliari/Sezione%201/2010/201000433/Provvedimenti/201200728_01.XML

AllegatoDimensione
ANTel vs Brotzu - Atto di costituzione davanti al TAR Sard….pdf211.71 KB
ANTel vs Brotzu - Domanda di prelievo 15-3-11.pdf134.07 KB
Tag